New Girls in treatment: è l’ora di un autentico Pranzo Napoletano

1

Nella foto di apertura potete ammirare Sua Maestà, la pizza fritta. Specialità della cucina tipica napoletana, ma anche marchio di fabbrica di Antonio Danise, chef a capo della cucina della meravigliosa Villa Necchi alla Portalupa, di cui vi ho già parlato qui. Immagine scelta non a caso, perché il prossimo Esperienze di Gusto, ciclo di pranzi a tema che prendono loco in Villa, manda in scena un autentico Pranzo Napoletano. Omaggio che lo chef, partenopeo di origine, ha voluto fare alla sua città. E di cui io, da ormai qualche anno trapiantata nella città del Vesuvio, con permesso posso dire di poter discernere con gli strumenti necessari. E posso assicurare che, sulla carta, il pranzo della prossima domenica 5 marzo ha le carte in regola per potersi fregiare del titolo. Un crescendo di sapori, profumi e passione per un viaggio gastronomico che tocca le tappe più significative del pasto di festa tipico napoletano, dal gattò (che in terra natale si chiama proprio così, mutuato dal francese gateaux) di patate alla classica parmigiana, così, giusto per iniziare. Anzi, a iniziare il palato alla festa di sapori sarà uno sfizioso aperitivo, accompagnato da Spumante direttamente dai celebri Feudi di San Gregorio, un’istituzione per i palati raffinati del posto (e non solo) e piccole deliziose entrees, tra cui la pizza fritta di cui sopra. Si prosegue con ziti al ragù, ovviamente rivisitati in chiave gourmet (cioè, dicasi Ziti Pastificio Gerardo di Nola al Ragù di Re Ferdinando) e un (mi perdonino i vegani, ma godo solo al descriverne la denominazione), pancia di maialino del Casertano con friarielli e salsa al Taurasi, altro vino tipico delle terre nostre che, beh, cavoli. Per finire, un cabaret di dessert che inneggiano al più classico e irresistibile vassoio delle paste napoletano, tra babbà, sfogliatelle, graffe. Ok, posso ammettere che sto passando la settimana in funzione del pranzo della domenica?! Lo so, vi ho messo fame :D E allora, sapete come si dice a Napoli? Favurite! (prenotazione al numero 0381092601 o via e-mail all’indirizzo info@villanecchi.it).

Ida Loose Cannon Papandrea

Una che ogni tanto deve chiedere alla sua ombra di farle un po’ di spazio. Irrazionale, impulsiva, irriverente e in costante lotta con l’altro lato dello specchio. In questo mondo fa la giornalista freelance e la stylist, nell’altro crea costumi per bambini (e ci attacca anche i bottoni). Non può fare a meno dei viaggi, in particolare quelli mentali. Crede alle favole, ai film di Tim Burton, ai videoclip, ai colpi di culo e a quelli di fulmine: col suo ci ha fatto una figlia. Scusa, hai detto figlia?!

Comments are closed.